Troppo sale fa male : prevenire infarto e ictus dosando l’uso del sale a tavola

In cucina quasi tutti gli eccessi fanno male ed il sale non fa di certo eccezione. Bisogna andarci piano, poiché oltre ai danni alla salute (più gravi anche del fumo), il suo abuso causa la ritenzione idrica. Ma questo é solo il minore dei mali.

Troppo sale fa male : ecco i motivi

La quantità suggerita ogni giorno per il consumo di sale è pari più o meno a 2-3 grammi (poco più di 1/3 di un cucchiaino intero).

I dati presentati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità parlano chiaro: il 90% degli italiani supera (chi più chi meno questa quantità di sale). E’ vero che fare sport o altre attività lavorative, di studio aiuta a sudare e ad espellerlo, ma è già tardi. L’organismo ne risente. Troppo sale fa male anche perché aumentano le possibilità di infarti, di ictus e l’ipertensione. Misurare spesso la pressione é un consiglio utile al fine di monitorare costantemente un valore troppo importante per la nostra salute.

E a pagare è la Sanità, cioè il contribuente.

Quanti uomini consumano una quantità di sale che rientra nei parametri precedentemente citati? 4%.

E quante donne? Di più. Il 14%.

I prodotti industriali ed i pasti consumati lontano da casa sono in genere quelli che contengono più sale. Pane, grissini, salatini, pizza, salumi, carni in scatola e hamburger (con patatine annesse) sono i piatti/alimenti che contengono la maggiore quantità di “sale nascosto”.


3 thoughts on “Troppo sale fa male : prevenire infarto e ictus dosando l’uso del sale a tavola

  1. […] sano e un regime alimentare tenuto sotto controllo non possono che far bene per ovvi motivi. Che troppo sale fa male al cuore, ad esempio, in molti lo sanno ma ciononostante non badano ai condimenti dei loro pasti o […]

  2. […] modo sereno e costruttivo. Abbiamo, ad esempio, più volte sostenuto che condimenti eccessivi come troppo sale possono far male. Ma non è […]

  3. I pro. Il sale, (ossia il cloruro di sodio), è necessario al funzionamento dell’organismo. In particolare, è grazie all’equilibrio potassio/sodio che si realizza l’equilibrio idrico del corpo. Se non si consuma sale a sufficienza, si può andare incontro alla disidratazione. D’altronde, il sale è essenziale per il piacere gustativo, poiché serve a valorizzare il sapore degli alimenti. Senza sale i piatti sembrano insipidi.
    I contro. Assumere troppo sale (più di 4-5 gr al giorno) è nocivo per la salute: fa male allo stomaco, aumenta le quantità di calcio nei reni e, soprattutto, aumenta il rischio di ipertensione arteriosa, è fonte di malattie cardiache e cerebrali. Il consumo eccessivo di sale favorisce anche la ritenzione idrica e la formazione di edemi. Infine, il sale stimola l’appetito: più una pietanza è salata, più si ha voglia di continuare a mangiarne. Il sale può essere, quindi, anche se indirettamente, responsabile dell’aumento di peso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>