Ferritina bassa o alta: ipoferritinemia e iperferritinemia

 

La ferritina è una proteina globulare che in tutti gli organismi viventi ha la funzione di immagazzinare il ferro, rilasciandolo in caso di necessità e rendendolo immediatamente utilizzabile.
Nel nostro organismo è presente in tutti i tessuti ma soprattutto in fegato, milza, midollo osseo e muscoli scheletrici; in piccole quantità è presente anche nel sangue (ferritina sierica, in genere proporzionalmente alla quantità presente nei tessuti), dove è misurabile attraverso la ferritinemia: in pratica, più o meno ferritina riscontrata corrisponde a più o meno ferro immagazzinato.

Valori medi:

10-300 nanogrammi/ml per gli uomini

10-230 nanogrammi/ml per le donne entro i 45 anni

5-345 nanogrammi/ml per le donne oltre i 45 anni.

 

Ferritina bassa (ipoferritinemia)

Quando la ferritina è bassa (ipoferritinemia), la carenza di ferro  può essere causata da vari fattori:
deficit nutrizionali: malnutrizione, diete troppo restrittive o una dieta vegetariana non sufficientemente bilanciata;
malassorbimento, provocato da celiachia, patologie dell’apparato gastro-intestinale, alcolismo…; si manifesta tipicamente con diarrea cronica;
emorragie, fisiologiche se legate a un flusso mestruale abbondante, o dipendenti da traumi, emorroidi cronicamente sanguinanti, ulcere, perdite occulte…
gravidanza, che richiede alla donna un surplus di ferro per compensare le quantità necessarie al feto, o parto, poiché la placenta contiene da sola circa 300 mg di ferro.

Ferritina bassa: terapia

Può essere sufficiente rivedere la dieta quotidiana insieme al proprio medico, aumentando il consumo di alimenti non solo ricchi di ferro ma anche con un’alta biodisponibilità e quindi con un’alta percentuale effettiva di ferro che il nostro organismo possa assorbire ed utilizzare: legumi (lenticchie, ceci, fagioli cannellini, fagioli borlotti freschi), cioccolato fondente amaro, frutta secca e fresca, in particolare quella ricca di vitamina C e acido citrico (agrumi), che aumentano l’assorbimento del ferro; per gli onnivori anche carne (il fegato d’oca è una miniera di ferro), pesce, molluschi (vongole, seppie), crostacei. Con bassa biodisponibilità, pur ricchi di ferro, sono invece cacao, cereali integrali, spinaci, legumi, rabarbaro e gli alimenti molto fibrosi; riducono le possibilità di assorbimento del ferro anche i tannini presenti in tè e caffè e la compresenza di minerali come lo zinco o il calcio.

 

Ferritina alta (iperferritinemia)

La ferritina alta (iperferritinemia) può essere invece legata a:
sovraccarico di ferro, legato all’alimentazione o all’assunzione di alcuni farmaci, oppure a un accumulo di ferro (emocromatosi e/o emosiderosi);
stati infiammatori acuti o cronici, infezioni o neoplasie;
necrosi di estese porzioni di un tessuto, come nei casi di epatiti acute e croniche;
difetti ereditari nella sintesi della ferritina.
(Negli ultimi tre casi gli elevati valori di ferritina non sono correlati a un sovraccarico di ferro nei tessuti).

Ferritina alta: terapia

È costituita da salassi (prelievi di 350-400 ml di sangue) per rimuovere dall’organismo i globuli rossi (ricchi di ferro), stimolandolo a produrne di nuovi. È consigliabile inoltre una dieta a basso contenuto di ferro, eventualmente associata a una terapia chelante che aiuti a eliminare il ferro in eccesso attraverso le urine.

È comunque importante rivolgersi sempre al proprio medico per valutare cause e cure idonee.


10 thoughts on “Ferritina bassa o alta: ipoferritinemia e iperferritinemia

  1. [...] di addentrarci nel problema di valori alti di ferritina e per coloro ancora non fossero a conoscenza del significato della ferritina, specifichiamo che si [...]

  2. è più sdi un anno che ho scoperto la ferritina il 27.3 era di 393, il 406- mesi adietro un pò più alta – ho avuto epatiote A ed epatire b da contagio – le mie condizioni di slaute non sono al massimo vorrei qualche consiglio e se necessari fornirò altri elementi.
    saluti Isa

  3. Ciao Isa,come avrai letto questo é un sito di pura informazione e non é legato a nessun medico. Consulta il tuo dottore di fiducia per consigli e altro. Un saluto

  4. [...] aver già parlato di valori di ferritina e bilirubina, affrontiamo anche questo altro valore cercando di capire da cosa può esser [...]

  5. [...] principalmente da mucosa intestinale, midollo osseo, fegato e milza. Da non confondere con la ferritina cui abbiamo già dedicato ampio spazio in [...]

  6. [...] e dieta specifica Digg DiggDopo aver già affrontato argomento analogo su glicemia, sideremia e ferritina, vediamo oggi cosa significa e a quali rischi può portare un valore elevato di [...]

  7. domenica says:

    Ieri ho fatto gli anali del sangue…….ho la ferritina 3.94

  8. Mi controllo molto spesso,facendo esami vari per conoscere esattamente il mio stato di salute; negli ultimi tempi dagli esami del sangue viene fuori che il “ferro”ha un valore molto basso -48-rispetto ai valori normali che sono:55-160.Vorrei sapere come posso ovviare a questo problema Grazie!!!

  9. E’ prima volta che entro in questo sito e lo trovo molto interessante.Spero che possiate darmi buoni consigli per il mio problema…..ancora grazie!!

  10. […] possibilmente lasciando passare diversi mesi.    Controllare i valori di glicemia, creatinemia, ferritina bassa e alta, calcemia ecc è fondamentale per avere lo stato di forma del nostro organismo nelle varie età  […]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>