La sindrome di Asperger : sintomi e possibili cure

Figure 2. Cingulate cortex response following submission of own decision for age and IQ controls
Photo Credit: Image Editor 

Dopo aver parlato e approfondito la Sindrome di Tourette, affrontiamo un’altra sindrome abbastanza conosciuta : la sindrome di Asperger. Dal nome dello psichiatra e pediatra austriaco Hans Asperger, si intende un disturbo pervasivo dello sviluppo, simile all’autismo, di origine genetica su base neurologica. La sindrome crea anomalie che riguardano interazioni sociali, ma a differenza dell’autismo di tipo tradizionale, non comporta ritardi nello sviluppo cognitivo e nell’apprendimento del linguaggio. I comportamenti degli individui afflitti sono decisamente ripetitivi e sempre uguali a se stessi e i campi d’interesse molto limitati.

COME SI MANIFESTA LA SINDROME DI ASPERGER

Tra i sintomi della sindrome di Asperger troviamo anche indifferenza verso chi circonda i soggetti afflitti e ciò che accade attorno a loro, ansia, depressione, disturbo dell’apprendimento non verbale, disturbo schizoide di personalità e DOC (disturbo ossessivo-compulsivo). La sindrome di Asperger compare nell’infanzia ed è identificabile, oltre che da una condizione di isolamento ed estraneità, anche da un timbro di voce monotono, scarso interesse nell’ascoltare le parole degli altri, difficoltà a comprendere aneddoti e doppi sensi, goffaggine, movimenti impacciati, postura scorretta, sguardo assente, mancanza di equilibrio e scarsa gestualità del corpo.

COME PREVENIRE E COMBATTERE LA SINDROME DI ASPERGER

Generalmente le terapia cognitivo-comportamentale cioè la psicoterapia cognitivo-comportamentale è una delle più diffuse psicoterapie per la terapia di diversi disturbi psicopatologici, in particolare dei disturbi dell’ansia e dell’umore. Per meglio comprendere il significato del termine cognitivo-comportamentale vediamo di decostruire il concetto. La prima cosa da fare, in ogni modo, è scoprire insieme allo specialista quanto più possibile sul tipo di caratteristiche che nel bambino la sindrome di Asperger ha comportato e, di qui, procedere a trovare la terapia che possa migliorarne quei sintomi e quei disturbi per cui non è sufficiente l’approccio educativo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>