Intervento Alluce Valgo : le tecniche migliori

intervento-allalluce-valgo

Deformazione che colpisce prevalentemente le donne, quello dell’alluce valgo può essere un problema spesso molto fastidioso e, nei casi molto gravi nei quali si manifesta anche arrossamento e infiammazione, anche alquanto doloroso. Malattia congenita, malattia ereditaria, malattia dovuta a sbagliate posture che si manifesta in età avanzata, visto l’alto numero di persone che questa deformazione ossea colpisce oggi l’intervento all’alluce valgo ha raggiunto alti livelli di perfezione e un ottimo piano di recupero per i mesi successivi.

In linee generali viene praticata un’anestesia locale molto forte, in modo tale da sedare il dolore anche nelle prime ore subito dopo l’operazione. Le sofisticate tecniche di intervento permettono di eseguirlo senza un successivo ricovero, in regime “day-surgery”, perciò la riabilitazione avviene a casa del paziente nelle settimane successive con qualche accorgimento per acquietare il dolore come l’uso di speciali calzature e calzettoni imbottiti.

L’INTERVENTO ALLUCE VALGO: ECCO LE TECNICHE MIGLIORI

Le ultime novità riguardo questo tipo di operazioni riguardano essenzialmente il praticare un’incisione nella zona del piede interessata per poi operare con piccole sezioni sulla parte di osso sporgente. In questo modo l’alluce è nuovamente allineato con il resto del piede e nessuna articolazione è stata presa in considerazione durante l’intervento. Un altro trattamento rivoluzionario è quello della chirurgia percutanea che utilizza un set di strumenti molto sottili così che si trovano a operare attraverso una piccolissima perforazione nella cute. Si praticano anche in questo caso alcune incisione atte ad allineare l’alluce con il resto del piede. Tecniche ancora meno invasive vedono l’uso di piccole frese con le quali la zona deformata viene nuovamente modellata.

Le modalità sono quindi numerose ma anche diverse tra loro. Nel momento in cui al paziente verrà accertata la diagnosi, sarà il medico ortopedico specialista a consigliare la migliore tipologia di intervento alluce valgo. In seguito il degente dovrà avere molta pazienza perché la terapia riabilitativa potrà durare qualche mese prima che il piede, o i piedi, riacquisti il movimento originario.

Questa patologia, nella maggior parte dei casi, colpisce prevalentemente le donne in età superiore ai 45 anni. Le cause che portano a queste deformità possono essere varie ma per quanto riguarda quelle legate alla postura o a una possibile ereditarietà, alcuni esercizi possono aiutare a prevenire problemi a volte molto dolorosi. Quindi, qualora in famiglia vi siano già casi di alluce valgo, è consigliabile fin dalla giovane età contattare un fisioterapista specialista che può indirizzare il paziente su semplici ma efficaci esercizi che possono aiutare a prevenire, o quantomeno diminuire, la deformità all’alluce.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>