Vaccino antipolio trivalente nei neonati

Si sentono, ormai da qualche anno, le notizie piA? disparate sui vaccini nei neonati. Concepire e fare nascere un bambino porta con se un compito impegnativo e duraturo: infatti, date le basse difese immunitarie dei neonati, i genitori devono essere sempre in guardia ed attenti in modo da salvaguardare la salute del piccolo e prevenire eventuali patologie ed infezioni. Per questo motivo, le neomamme e i neopapAi?? devono preoccuparsi di sottoporre i loro figli appena nati ad una serie di vaccinazioni in modo da evitare che contraggano malattie, talvolta anche degenerative e gravi.

Vaccino Antipolio Trivalente

Esistono vaccini obbligatori e altri sono invece facoltativi; uno dei piA? importanti, reso obbligatorio fin dagli anni Sessanta, A? il vaccinoAi??antipolio trivalente. Si tratta di un vaccino contro la poliomelite, una malattia fortemente contagiosa e pericolosa.Ai??All’inizio,Ai?? essa non mostra alcun segno della sua presenza nel paziente; col passare del tempo, i sintomi sono del tutto simili ai sintomi tipici dei disturbi gastrointestinali, ma nei casi piA? gravi porta persino alla paralisi totale.

Dopo che negli anni Cinquanta questa malattia ebbe un periodo di boom, venne introdotto nel 1963 il vaccino dellai??i??antipolio trivalente, andando a sostituire quello dellai??i??antipolio inattivato (molto piA? costoso ed invasivo). Questo nuovo vaccino divenne cosAi?? obbligatorio, essendo in grado di produrre immunitAi?? contro tutti e tre i tipi di virus della poliomelite (tutti e tre tipi d virus intestinali, e tutti e tre trasmissibili per via oro-fecale e per via oro-orale).

I bambini devono essere sottoposti al vaccino antipolio trivalente per la prima volta al terzo mese di vita, poi al quinto mese, al compimento di un anno e in seguito, allai??i??etAi?? di tre anni, va eseguito il richiamo allai??i??antipolio trivalente.

Per qualsiasi chiarimento, dubbio, domanda e problema vi ricordiamo sempre che questo articolo Ai?? puramente informativo e che va consultato il pediatra di riferimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>