Giornata nazionale per la lotta alle leucemie : lottiamo tutti insieme

E’ oggi, martedì 21 giugno, la sesta giornata nazionale delle leucemie,  dei linfomi e del mieloma. Sembra che, per i tumori che coinvolgono le cellule del sangue le cure si siano via via perfezionate anche grazie alla ricerca.

“Il mio auspicio è che i tumori del sangue diventino malattie qualunque, curabili e spesso guaribili come la tonsillite o la polmonite”. Sono parole dell’oncologo Franco Mandelli, presidente dell’Ail: Associazione italiana contro le leucemie, linfomi e mielomi. Quella di oggi dovrebbe essere una giornata che porta alle orecchie della gente questo concetto, per far definitivamente comprendere come la cura definitiva delle leucemie non è così lontana come a volte sembra.  distante. Cambiano i punti di vista, oggi non si vede il paziente solo come un malato oncologico, ma come un essere umano il cui problema non è solo quello di guarire, ma di coniugare questa guarigione con la sua vita privata, con il suo lavoro proprio perché non siamo di fronte a malattie incurabili.

Grandi passi in avanti si sono fatti, dai primi farmaci fino a quelli di ultima generazione come il nilotinib approvato da poco dall’Agenzia Europea del Farmaco per la terapia della leucemia mieloide cronica. Una molecola facente parte della classe delle tirosinchinasi che si è mostrata molto più attiva di quelle che l’hanno preceduta e che apre le porte ad un futuro in cui iltrattamento definitivo appare possibile.

Molto importanti sono state le informazioni raccolte negli ultimi anni sulle basi patogenetiche di queste malattie che hanno aiutato tantissimo per la formulazione di nuovi trattamenti più efficaci e meno invasivi. Ecco dunque che la giornata nazionale si apre con la speranza di trovare una cura decisiva per queste forme tumorali. Ricordiamo che domani dalle 8.00 alle 20.00 si potrà chiamare il numero verde Ail :

800-226524

per parlare con ematologi pronti a rispondere alle vostre domande. Donate anche voi il vostro contributo all’AIL

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>