Emoglobina glicata : come controllare il diabete

Un valore di emoglobina glicata alta é decisamente da prendere con attenzione necessitando di ulteriori indagini. Un esame dell’emoglobina glicata è fortemente consigliato ad una persona che soffre di diabete o che ne è a rischio. In primis, vediamo cosa si intende per emoglobina glicata prendendo spunto da Wikipedia:

L’emoglobina glicata (emoglobina glicosilataemoglobina A1c, HbA1c, A1C, o Hb1c; a volte anche HbA1c) è una forma di emoglobina usata principalmente per identificare la concentrazione plasmatica media del glucosio per un lungo periodo di temp

Questo esame è in grado di valutare lo stato glicemico dei pazienti diabetici, anche a distanza di tre mesi. Ma cos’è l’emoglobina glicata e perchè occorre porre attenzione all’emoglobina glicata alta? Essa non è altro che emoglobina parzialmente legata a glucosio, che viene formata tramite il processo di glicazione, nel quale gli zuccheri, che sono presenti in abbondanti quantità nel sangue, si attaccano all’emoglobina stessa.

Emoglobina glicata : perché questo esame è importante?

Questo esame è di importanza fondamentale poiché l’emoglobina è l’espressione dei livelli di glicemia media in periodi di lunga durata; questo livello non è quindi soggetto alle variazioni importanti, anzi il paziente può tranquillamente mangiare anche prima del prelievo del sangue per l’analisi. Oltre ai livelli di glicemia media, l’emoglobina ci permette di scoprire anche se si prospettano complicanze future, anche gravi, legate al proprio diabete. Il valore normale dell’emoglobina glicata è tra 4 e 6,5%: più la percentuale diventa alta, più è alto il rischio di avere complicanze gravi.

Per quanto riguarda le donne in gravidanza, il valore non deve mai superare 6,5%: anche solo il 7% potrebbe portare a complicazioni gravissime e talvolta irreversibili sia per la mamma che per il bambino.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>