Eiaculazione precoce: qualche consiglio pratico da seguire

Lezioni di sesso
Photo Credit: Arianna Flacco

L’eiaculazione precoce è un disturbo sessuale che è molto più frequente e diffuso di quanto si possa immaginare. Si tratta di una disfunzione che colpirebbe, stando alle ultime statistiche, all’incirca il 20% degli italiani, i quali non riescono a controllare il proprio stimolo eiaculatorio durante un rapporto sessuale.

Naturalmente, questa patologia provoca un disagio o delle difficoltà interpersonali nell’uomo che ne è affetto, genera delle ripercussioni sulla sfera emotiva e psicologica del singolo individuo ma anche della coppia. La cura all’eiaculazione precoce esiste, non è una cura univoca ma strettamente dipendente alle cause e all’entità del disturbo. Esiste il rimedio farmacologico con Priligy dapoxetina, che è certamente quello più risolutivo. Ma, per le situazioni di entità più lieve è possibile mettere in pratica alcuni consigli per affrontare e superare l’eiaculazione precoce, specie se sporadica e non frequente.

1- Respirare e rilassarsi – Che ci crediate o no, respirare profondamente durante i rapporti sessuali può contribuire a rilassare il vostro corpo. Il respiro è infatti legato al vostro stato mentale ed emotivo e, specialmente quando l’eiaculazione precoce è causata da ansia, tensione e preoccupazioni, è scientificamente provato che risulta molto più vantaggioso di molte altre tecniche. Per rilassarvi ulteriormente potete chiedere alla partner di farvi un massaggio, che potrebbe contribuire a creare a sciogliere nervi e tensioni e a creare un’atmosfera ancora più serena e tranquilla.

2- Più preliminari – Provate a prolungare i preliminari,trascorrete molto tempo assieme alla partner cercando di creare maggiore complicità, e magari portandola a vicina al raggiungimento dell’orgasmo già prima dell’inizio del rapporto sessuale.

3- Allenare il muscolo pubococcigeo – I primi studi approfonditi su questo muscolo volontario della zona perineale sono stati condotti da Kegel, precursore dello sviluppo di tutta una serie di tecniche per controllarlo e rafforzarlo. Questi studi hanno messo in luce che contrarre il pubococcigeo in tempo utile permette di stringere la fascia muscolare attorno alla prostata e bloccare l’eiaculazione. Per allenare il muscolo pubococcigeo si suggerisce anche di provare a stoppare e ricominciare di fare pipì 5/6 volte a minzione. È anche utile eseguire tranquillamente, in qualunque posto vi troviate, degli esercizi di contrazione per 20-400 volte al giorno, stringendo e rilasciando il muscolo. I primi risultati si potranno avere già dopo 1-2 settimane, mentre dopo un mese potrete osservare dei notevoli progressi nel controllo dell’eiaculazione precoce.

4- Usare il preservativo – È forse il primo ed il più semplice dei consigli per prevenire l’eiaculazione precoce. Oltre al suo utilizzo come contraccettivo e protezione dalle malattie sessualmente trasmissibili, i profilattici diminuiranno parzialmente la sensibilità del vostro pene e prolungheranno la durata dei vostri rapporti sessuali. Ancora più indicati i preservativi ritardanti, che generalmente hanno una forma specifica, sono più spessi e contengono una soluzione gelatinosa e anestetizzante a base di benzocaina.

5- Usare prodotti naturali – Oltre ai preservativi ritardanti, è possibile fare ricorso ad altri tipi di prodotti naturali, come prodotti spry, gel e creme, che possono rappresentare la giusta soluzione per curare questo disturbo. Grazie al loro effetto anestetizzante possono ridurre la sensibilità del pene sia nei casi di eiaculazione precoce assoluta che acquisita, aiutandovi a prolungare il rapporto sessuale. Basterà applicarli qualche minuto prima del rapporto per ottenere dei risultati.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>