Colostomia: i cibi da evitare per alimentarsi con serenitAi??

Per le persone stomizzate riprendere la vita di tutti i giorni nella maniera piA? serena possibile A? spesso complicato. Accettare questa trasformazione di una parte del proprio corpo puA? essere un momento delicato e complesso che il paziente deve necessariamente affrontare supportato da personale medico informato e disponibile che sappia rispondere non solo alle domande piA? impellenti ma anche e soprattutto a quei piccoli grandi quesiti che nel tempo possono sorgere nella mente di una persona stomizzata e che meritano sempre la giusta attenzione.

Tra i temi importanti quando parliamo di stomia rientra senza alcun dubbio lai??i??alimentazione, un momento cruciale per il proprio benessere psicofisico, che va affrontato con tranquillitAi??. Sebbene non esistano a priori dei cibi che A? assolutamente vietato consumare in questi casi, esistono alcune linee guida di massima che possono orientare il paziente nella scelta degli alimenti piA? graditi ed idonei al proprio caso.

Il consiglio generale per qualunque tipo di stomia (colostomia, ileostomia ed urostomia) A? quello di mangiare poco e spesso nellai??i??arco della giornata, di bere almeno un litro e mezzo dai??i??acqua quotidianamente e di masticare il cibo il tempo necessario, gustandolo appieno.

Nello specifico, chi ha subito una colostomia dovrebbe prestare attenzione a tutti quei cibi che possono provocare la formazione di odori o la produzione di gas. Sebbene vi siano alcuni consigli base in questo caso, A? comunque probabile che alcuni pazienti sopportino bene alimenti che notoriamente possono provocare odori o gas oppure, al contrario, abbiano problemi con cibi che di solito vengono invece consigliati. Si tratta quindi di testare in maniera molto personale i cibi che incontrano il proprio gusto per capire cosa A? preferibile consumare piA? spesso, cosa evitare e cosa, invece, mangiare solo sporadicamente per evitare fastidi.

Solitamente dopo una colostomia A? consigliabile evitare o drasticamente ridurre il consumo di cibi come gli asparagi, le uova, il cumino, lai??i??aglio, il pesce e lai??i??alcol per la formazione degli odori che potrebbero provocare. Allo stesso tempo A? bene tener presente che altri alimenti possono causare la formazione di gas. Tra questi troviamo: cavolfiori, cavolo, cetrioli, piselli, funghi, cipolle, bibite gassate e latticini.

Si tratta nella gran parte di casi di alimenti che solitamente sono presenti sulle nostre tavole ed A? per questo che chi subisce una stomia deve poter contare sulla costante presenza di persone in grado di ascoltare dubbi e domande rispondendo adeguatamente. Per aiutare coloro che hanno subito questo delicato intervento e che desiderano riprendere la propria vita di tutti i giorni in tempi rapidi, ConvaTec A? da anni al fianco delle persone stomizzate non solo per fornire i dispositivi medici necessari ma anche e soprattutto per aiutarle nella gestione emotiva della stomia, sia essa temporanea o definitiva.

ConvaTec tiene particolarmente a questo tema e pone al centro del suo lavoro la serenitAi?? e la migliore qualitAi?? di vita possibile delle persone stomizzate ed A? per questo motivo che ha attivato il servizio ConvaTel e me+ Ai??che mette a disposizione dei pazienti non solo campioni di prodotto gratuiti, un abbonamento a costo zero alla rivista tematica ConTatto ed informazioni sugli ambulatori di stomaterapia piA? vicini al proprio domicilio, ma anche consulenza psicologica per ritrovare in breve tempo la serenitAi??, consulenza con stomaterapisti e contatto diretto con un avvocato per conoscere i diritti delle persone stomizzate. Tutto questo in forma assolutamente gratuita. Entra nel mondo me+: in questo modo sarAi?? possibile coinvolgere in questo grande progetto non solo i pazienti stomizzati ma anche i loro amici e familiari che vogliono saperne di piA? ed hanno bisogno di ricevere informazioni chiare, esaustive e dettagliate.

Video :Ai??https://www.youtube.com/watch?v=yryQ-omk7ac





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>