Foglio illustrativo Aspirina C

aspirina_c

Aspirina C è il farmaco più conosciuto e presente in tutte le case per la sua grande efficacia nel trattamento di stati febbrili, raffreddore, mal di testa, dolori nevralgici, mal di denti, dolori mestruali, muscolari o reumatici.

I suoi principi attivi sono l’acido acetilsalicilico e l’acido ascorbico (comunemente detta vitamina C) e la sua casa farmaceutica l’ha resa disponibile in diverse soluzioni: compresse effervescenti da sciogliere in acqua, compresse masticabili, granuli e bustine.

Sintetizzeremo adesso le informazioni più salienti presenti nel foglio illustrativo Aspirina C.

IL FOGLIO ILLUSTRATIVO DELL’ASPIRINA C: INDICAZIONI E MODALITA’ D’USO

Aspirina C rientra nella categoria degli analgesici e può essere somministrata anche come antipiretico per abbassare la febbre o come antinfiammatorio per agire sull’infiammazione.

Le compresse non vanno assunte in dosi superiori a 1 o 2 per 2-3 volte al giorno. Particolare attenzione devono prestare gli anziani o i pazienti di età inferiore ai 12 anni, per i quali e’ estremamente necessario consultare il medico prima di iniziare la terapia.

Durante il trattamento, è possibile riscontrare talvolta disturbi gastrici che possono variare in base al quantitativo assunto e alla sensibilità del paziente. Sporadicamente si può assistere a manifestazioni emorragiche come sangue dal naso o dall’apparato gastrointestinale, mentre ancora più raramente possono presentarsi episodi di ipersensibilità come ronzii alle orecchie e sfoghi cutanei.

Foglio illustrativo Aspirina C

Nel foglio illustrativo Aspirina C che potete consultare a questo link :

http://www.mister-x.it/Salute/foglietto_illustrativo.asp?medicinale=ASPIRINA è inoltre specificato che in caso di malattie esantematiche o influenza, è fondamentale chiedere parere al medico e interrompere l’assunzione qualora comparissero vomito e forte sonnolenza; particolare cautela deve essere adottata anche in pazienti con gravi problemi ai reni e al fegato, in chi accusa disturbi ricorrenti allo stomaco o all’intestino e in chi soffre di deficit di glucosio-6-fosfato deidrogenasi. In mancanza di questo enzima, infatti, i globuli rossi sono soggetti a ridotta sopravvivenza.

Pericolose interazioni possono verificarsi se si stanno assumendo anticoagulanti, corticosteroidi, antireumatici.

In caso di sovradosaggio, il quale comporta sintomi che vanno dalla nausea con senso di vertigine fino al collasso, avvertite immediatamente il medico .


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>