Chirurgia estetica: l’Italia al sesto posto nella classifica mondiale

Cosmetic medicine

Secondo la recente indagine “Global study of aesthetic cosmetic surgery procedures in 2011” condotta e resa nota dall’International Society of Aesthetic Plastic Surgery (ISAPS) l’Italia si piazza al sesto posto nella classifica mondiale della chirurgia estetica sia per il numero di interventi realizzati che per quello dei professionisti che la praticano.

La ricerca evidenzia una serie di dati molto specifici che offrono una chiave di lettura importante per interpretare al meglio l’andamento del settore della chirurgia estetica nel mondo. È infatti interessante vedere quali sono i paesi in cui si fa maggior ricorso alla chirurgia plastica e quali sono gli interventi più gettonati nei vari paesi. In Italia, ad esempio, si opera perlopiù per aumentare il seno, quindi è la mastoplastica additiva l’intervento più richiesto e per il quale l’Italia si piazza addirittura al quarto posto nel mondo. Per quanto riguarda la medicina estetica invece si incontra ancora una sorta di resistenza nei confronti della tossina botulinica, in controtendenza con il resto del mondo dove invece è molto amata e richiesta, molto probabilmente per mancanza di adeguate informazioni a riguardo nel nostro paese. Si conferma invece molto il voga il ricorso al riempimento delle rughe tramite l’acido ialuronico e gli interventi di lipofilling

In classifica l’Italia è preceduta, nell’ordine, da Stati Uniti, Brasile, Cina, Giappone e Messico. È curioso notare che l’Asia risulta il continente in cui vengono eseguiti maggiori interventi di chirurgia estetica, in particolare in Cina, Giappone e Corea del Sud. Qui l’intervento più praticato è la rinoplastica, ovvero l’intervento che permette di migliorare l’aspetto del naso.

L’intervento di chirurgia plastica più praticato al mondo si conferma invece la liposuzione (con una percentuale del 19,9%), seguita subito dopo dalla mastoplastica additiva (al 18,9%) e dalla blefaroplastica, l’intervento che permette di migliorare l’aspetto degli occhi e dello sguardo in generale (all’11%). Per quanto riguarda invece la medicina estetica, la tossina botulinica primeggia incontrastata con il 38,1% degli interventi, seguita dall’acido ialuronico al 23,2% e dall’eliminazione dei peli superflui con il 10,9% degli interventi eseguiti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>