Varicella : sintomi, cura, durata e incubazione

varicella-foto-3-286x300

Quali sono i sintomi principali della Varicella? Come riconoscerla e come adeguarsi alla sua durata? Per chi non lo sapesse ricordiamo che la varicella è una malattia esantematica per la quale non esiste ancora un obbligo di vaccino, può essere una delle infezioni che colpisce maggiormente adulti e bambini.
Non esistono cure specifiche, visto che a meno di manifestazioni molto gravi o situazioni a rischi, non esiste altro modo che lasciar sfogare la malattia.

Quali sono i sintomi della Varicella?

Non conoscete i sintomi adeguati della varicella? Questa malattia non fa altro che causare un rash rosso pruriginoso sulla pelle che appare sulla pancia, schiena e viso e nel giro di pochissimo tempo si propaga a quasi tutto il corpo, tra cui anche la zona che riguarda il cuoio capelluto, la bocca,il naso e i genitali.
Nella maggior parte dei casi l’eruzione cutanea della varicella, inizia con piccole e multiple protuberanze rosse che sembrano brufoli o morsi e poi si sviluppa con delle vesciche piene di liquido chiaro che diventano scure La pelle della vescichetta, si rompe, lasciando una piaga aperta, che infine sviluppa una crosta che diventa secca e marrone.
Nella maggior parte dei casi i sintomi della Varicella sono questi e bisogna ricordare che le vesciche hanno la dimensione pari a mezzo centimetro di larghezza e appaiono in più riprese da 2 a 4 giorni.
Lo sfogo della varicella più essere addirittura più forte nei bambini, infatti, alcuni piccoli colpiti dalla malattia hanno la febbre, doloro addominali, mal di gola, mal di testa e una sensazione di malessere che dura per uno o due giorni.
Questi sono i sintomi principali che compaiono nei bambini e possono durare per un paio di giorni, dove la febbre rimane tra i 37 e i 38 gradi anche se in rari casi può essere elevata.
Nelle maggior parte dei casi la varicella viene identificata come una malattia lieve che può colpire bambini, adolescenti e adulti che hanno un sistema immunitario debole .
Raramente anche nei bambini che hanno un sistema immunitario debole, possono svilupparsi delle complicazione, come infezioni della pelle vicino alle vescicole. Chiunque abbia avuto la varicella (o abbia fatto il vaccino contro la varicella) da bambino è a rischio di sviluppare l’herpes zoster più avanti nella vita, e di questi fino al 20% lo sviluppa effettivamente


Tagged with 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>