Potassio Alto : sintomi e rimedi

potassio_alto

Il potassio è un elemento molto importante per il nostro organismo, nel quale si trova all’interno delle cellule ed è fondamentale per il corretto funzionamento di nervi e muscoli. È necessario che il livello di potassio nel sangue sia mantenuto a un livello costante, senza essere né troppo alto né troppo basso. In caso di potassio alto si possono contrarre disturbi anche molto gravi come ad esempio disturbi renali.

POTASSIO ALTO: SINTOMI E RIMEDI

L’iperkaliemia può avere cause molto diverse. Spesso è una conseguenza dell’assunzione di determinati farmaci che contengono un’eccessiva concentrazione di potassio. È una situazione molto difficile da diagnosticare poiché il più delle volte è asintomatica, ovvero non avvertiamo nel nostro corpo disturbi particolari che ci portano ad accende un campanello d’allarme. Nella maggior parte dei casi il sintomo più evidente può essere un’anomalia del battito cardiaco, ma solo nei casi di potassio alto molto gravi e risulta evidente quando il paziente fa gli esami del sangue o un elettrocardiogramma per altri motivi.

In caso di iperkaliemia vi sono alcuni rimedi facilmente affrontabili per cercare di abbassare il livello di potassio nel sangue e riportarlo a regime. Prima di tutto è importante l’assunzione di calcio, che abbassa efficacemente i livelli di potassio. Il calcio è un elemento che si trova in grandi quantità nei latticini, come yogurt, latte, formaggi ecc. Anche l’aglio aiuta ad abbassare il potassio nel sangue, si consiglia quindi l’assunzione di uno spicchio al giorno oppure integratori che contengano i principi attivi presenti nell’aglio.

Per contrastare il potassio alto si consiglia anche di bere molta acqua, antiossidante naturale del corpo che aiuta a eliminare le tossine nocive o ciò che è in eccesso nel nostro organismo. Sempre per ciò che riguarda la dieta bisogna eliminare tutti quei cibi che contengono naturalmente un alto livello di potassio come ad esempio asparagi, banane, arachidi, piselli e patate e sostituirli con alimenti che invece contengono poco potassio come frutti di bosco, limone, cavolfiori, lattuga e cetrioli.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>