Linea? Occhio a quello che si beve e non a quello che si mangia

Un errore che molto spesso fanno le donne A? quello di trattenersi nel mangiare per cercare di perdere qualche chilo di troppo. Un buon rimedio per cercare di mantenersi in linea A? quello di stare molto attente invece a ciA? che si beve. PerchAi?? sono proprio le bibite e il resto della compagnia a regalarci calorie gratuitamente.
Quindi uno dei principali consigli A? quello di stare attenti a ciA? che ingeriamo di liquido soprattutto nel periodo estivo. PerchAi?? spesso ci si sbaglia e quello che pensiamo che ci disseti ci fa gonfiare e aumentare di peso.
Ecco quindi alcune bevande che possono essere utili per limitare le calorie e magari bloccare anche un pochino di quella fame che non ci fa vedere piA? niente.
Naturalmente una delle migliori bevande A? lai??i??acqua, meglio quella non gassata, disseta, no gonfia e berne due bicchieri prima dei pasti toglie un poai??i?? di senso di appetito.
Molto utili anche i succhi di verdura, benefici quanto i succhi di frutta, ma con la metAi?? delle calorie.
Latte e anche i suoi derivati a patto che siano magri, in qualsiasi dieta A? sconsigliato eliminarli, ma mangiare quelli con carenza di grasso.
Anche il caffA? A? molto meglio di qualsiasi altra bevanda. Una tazza di caffA? nero non ha calorie ed A? ricco di antiossidanti. U uso moderato, che non superi le tre tazze al girono puA? anche migliorare lai??i??umore.
Anche il the verde A? un buon aiuto per le diete. Poca caffeina e tanti benefici. Non ha calorie ma in compenso ha tante virtA?. A? digestivo, depurativo, ricco di sostanze antiossidanti.
Ora dopo aver elencato alcune bevande che posso aiutare la nostra dieta, elenchiamo quelle che A? meglio evitare. Birra, bevande alcoliche, Energy drinks, cappuccino e company. Tutte bevande che A? meglio lasciare bere agli altri se vogliamo mantenere la linea. Oltre a contenere anidride carbonica e quindi a gonfiare, sono ricche di calorie.
Quindi per mantenere la linea A? bene controllare prima di tutto ciA? che beviamo e poi quello che mangiamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>